Editoria: Moles, per contrastare la pirateria serve azione collettiva, fondamentale educazione digitale

29 marzo 2022

“Contrastare l’attacco che arriva dalla pirateria è fondamentale, ogni iniziativa che si prefigga di contrastare l’illegalità va perseguita con determinazione ma alla necessaria azione repressiva va affiancato un serio lavoro sul piano educativo, da fare insieme - istituzioni, stakeholder, scuole, famiglie - per costruire una maggiore consapevolezza da parte dei clienti finali delle implicazioni della fruizione illecita di contenuti online, e per attrarre nell’azione corale di tutela dei diritti online anche quei consumatori che ancora costituiscono la domanda dell’offerta illegale. Ecco perché il nostro compito deve essere anche quello di lavorare a quella che potremmo definire una ‘educazione digitale’ attraverso una sensibilizzazione per un utilizzo sano e consapevole di tutti i nuovi strumenti digitali”

Lo ha detto Giuseppe Moles, Sottosegretario all’Editoria intervenendo al convegno 'La pirateria nel mondo del libro', organizzato a Roma da 'Gli Editori' (Aie e Fieg). 

“Per contrastare il fenomeno ritengo che sia necessario proporre soluzioni d’offerta dei contenuti multimediali innovativi e sempre più accessibili, creare sistemi anti-pirateria migliori e, soprattutto, sensibilizzare con sempre maggior forza i consumatori, in particolare i giovani, rendendoli consapevoli che fruendo di un contenuto veicolato illegalmente non solo contribuiscono alla crescita di chi fa della illegalità il suo business, ma affinchè si rendano conto di quanto sia semplice e vantaggioso accedere al contenuto in forma legale, puntando quindi sulla rappresentazione della qualità, della utilità, dei contenuti migliori, che si ha usando i canali legali. Ben vengano quindi, per una efficace tutela dei contenuti a 360°, tutte le iniziative di sensibilizzazione che potranno consentire la conoscenza del fenomeno. Io sono ovviamente disponibile, insieme al mio Dipartimento, a studiare insieme tutte le azioni che si riterranno più opportune”.

editoria , libri , pirateria , diritto d'autore
Torna all'inizio del contenuto