Al via le domande per l’accesso al credito di imposta per l’acquisto della carta per gli anni 2020 e 2021

14 dicembre 2021

Dal 15 dicembre 2021 al 31 gennaio 2022 è possibile presentare le domande di ammissione per l’anno 2020 e per l’anno 2021 al credito d’imposta a favore delle imprese editrici di quotidiani e periodici iscritte al ROC, parametrato alle spese sostenute, rispettivamente nell’anno 2019 e nell’anno 2020, per l’acquisto della carta utilizzata per la stampa delle testate edite.

La domanda può essere presentata dal legale rappresentante dell'impresa esclusivamente per via telematica, attraverso un’apposita procedura disponibile nell'area riservata del portale impresainungiorno.gov.it, accessibile, previa autenticazione via Sistema Pubblico di Identità Digitale (SPID), Carta Nazionale dei Servizi (CNS) o Carta d’Identità Elettronica (CIE), dal percorso di menù "Servizi on-line" -> "Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento per l'informazione e l'editoria" -> "Credito di imposta carta 2020 (spese sostenute nell’anno 2019)" oppure "Credito di imposta carta 2021 (spese sostenute nell’anno 2020)". È necessario inviare domande di ammissione distinte per ciascuno degli anni 2020 e 2021.

La Commissione europea si è pronunciata sulla compatibilità della misura agevolativa con le disposizioni normative europee sugli aiuti di Stato: con la decisione n. C(2021) 7601 final pubblicata in data 9 dicembre 2021 sul sito della stessa Commissione Europea, ha approvato il credito di imposta per l’acquisto della carta per gli anni 2020 e 2021, con riferimento alle spese sostenute, rispettivamente, negli anni 2019 e 2020.

La circolare del Capo del Dipartimento per l’informazione e l’editoria del 14 dicembre 2021 fornisce precisazioni in relazione alle modalità applicative del credito d'imposta per l’anno 2020 e 2021.

Per istruzioni sulla compilazione della domanda consultare il manuale utente della procedura (aggiornato al 14 dicembre 2021)

Per richieste di chiarimento sul credito di imposta inviare un messaggio all'indirizzo di posta elettronica credito.carta@governo.it

credito d'imposta , carta
Torna all'inizio del contenuto